REPORTS 2024
In
this section are collected some documents of organizations, associations and institutions with the data of technological innovation and significant contents for the sustainable development of the company and the culture of industrial maintenance.
+++
In questa sezione vengono raccolti alcuni documenti di Enti, Associazioni e Istituzioni con i dati dell’innovazione tecnologica e contenuti significativi per lo sviluppo sostenibile della società e la cultura della manutenzione industriale.

 

29.5.2024
Attitudes of Europeans towards the environnement
Pub: European Commission (English text, 92 pages)

More than three quarters of Europeans (78%) agree that environmental issues have a direct effect on their daily lives and health. Around four in five respondents (84%) agree that EU environmental legislation is necessary to protect the environment in their country. The survey reveals that citizens consider  promoting the circular economy as the most effective way to address environmental problems in 11 Member States, followed by nature restoration (considered the most important in Greece, Portugal, Spain, Estonia, Cyprus and Bulgaria). Overall, there is a predisposition towards more sustainable consumer behavior with almost six in ten respondents willing to pay more for sustainable products that are easier to repair, recyclable and/or produced in an environmentally sustainable way. As part of a more circular economy, citizens support reducing the amount of waste by properly sorting waste for recycling and using reusable packaging.
https://europa.eu/eurobarometer/surveys/detail/3173
+++
Atteggiamenti degli europei nei confronti dell’ambiente
Più di tre quarti degli europei (78%) concordano sul fatto che le questioni ambientali hanno un effetto diretto sulla loro vita quotidiana e sulla loro salute. Circa quattro intervistati su cinque (84%) concordano sul fatto che la legislazione ambientale dell’UE è necessaria per proteggere l’ambiente nel loro paese. L’indagine rivela che i cittadini considerano  la promozione dell’economia circolare come il modo più efficace per affrontare i problemi ambientali in 11 Stati membri, seguito dal ripristino della natura (considerato il più importante in Grecia, Portogallo, Spagna, Estonia, Cipro e Bulgaria). In generale, c’è una predisposizione verso un comportamento dei consumatori più sostenibile con quasi sei intervistati su dieci disposti a pagare di più per prodotti sostenibili che siano più facili da riparare, riciclabili e/o prodotti in modo sostenibile dal punto di vista ambientale. Nell’ambito di un’economia più circolare, i cittadini sostengono la riduzione della quantità di rifiuti differenziando correttamente i rifiuti per il riciclaggio e utilizzando imballaggi riutilizzabili.
https://europa.eu/eurobarometer/surveys/detail/3173

13.5.2024
Youth and democracy
Pub: European Commission (English text, 63 pages)

In the context of the European elections of 6-9 June 2024 and as a follow-up to the European Youth Year 2022, a survey on "Youth and democracy" was conducted targeting young people aged 15-30. There is awareness of the ways of engaging with the EU. When young people across the EU are asked how much they know about ways to interact with the EU, 46% say they are aware of the European elections. Around a quarter (24%) are familiar with EU social media channels and websites, namely the European Youth Portal. Young people believe that voting in local, national or European elections is the most effective action to make their voice heard by decision makers: 38% of those interviewed choose this action. In second place is the use of social media by expressing one's opinions, using hashtags or changing the profile picture, etc., chosen by 32% of respondents. https://europa.eu/eurobarometer/surveys/detail/3181
+++
Gioventù e democrazia
Nel contesto delle elezioni europee del 6-9 giugno 2024 e come seguito all'Anno europeo della gioventù 2022, è stata condotta un'indagine su "Gioventù e democrazia" rivolta ai giovani di età compresa tra 15 e 30 anni. C’è consapevolezza sulle modalità di impegno con l’UE. Quando ai giovani di tutta l’UE viene chiesto quanto conoscono le modalità per interagire con l’UE, il 46% dichiara di essere a conoscenza delle elezioni europee. Circa un quarto (24%) ha familiarità con i canali e i siti web dei social media dell'UE, ovvero il Portale europeo per i giovani. I giovani ritengono che votare alle elezioni locali, nazionali o europee sia l'azione più efficace per far sentire la propria voce ai decisori: il 38% degli intervistati sceglie questa azione. Al secondo posto c'è l'utilizzo dei social media esprimendo le proprie opinioni, utilizzando hashtag o modificando l'immagine del profilo, ecc., scelta dal 32% degli intervistati.
https://europa.eu/eurobarometer/surveys/detail/3181

7.3.2024
European climate risk assessment — Executive summary
Pub: European Environment Agency (English text, 40 pages)

This assessment identifies 36 climate risks with potentially severe consequences across Europe. The risks are evaluated in the contexts of risk severity, policy horizon, policy readiness and risk ownership. It further identifies priorities for EU policy action, based on a structured risk assessment united with qualitative aspects, such as considering social justice. Most policies and actions to strengthen Europe's resilience to climate change are made for the long term, and some actions have long lead times. Urgent action is needed now to prevent rigid choices that are not fit for the future in a changing climate, such as in land-use planning and long-lived  nfrastructure. We must prevent locking ourselves into maladaptive pathways and avoid potentially catastrophic risks.
https://www.eea.europa.eu/publications/european-climate-risk-assessment
+++
Questo rapporto identifica 36 rischi climatici con conseguenze potenzialmente gravi attraverso l'Europa. I rischi sono valutati nei contesti di gravità del rischio e orizzonte politico, preparazione politica e proprietà del rischio. Inoltre identifica le priorità per l’azione politica dell’UE, sulla base di una valutazione strutturata del rischio unitario con aspetti qualitativi, come la considerazione della giustizia sociale. La maggior parte delle politiche e delle azioni volte a rafforzare la resilienza dell’Europa al clima e ai cambiamenti vengono apportate a lungo termine e alcune azioni hanno una lunga durata. Ora è necessaria un’azione urgente per evitare scelte rigide non adatte al futuro in un clima che cambia, come nella pianificazione dell’uso del territorio e delle infrastrutture di lunga durata. Dobbiamo evitare di chiuderci dentro percorsi disadattivi ed evitare rischi potenzialmente catastrofici.

29.2.2024
Corporate Climate Targets
Pub: WWF (English text,  51 pages)

Aut: Guillaume Bône, Antoine Pugliese and Sebastien Godinot
This report exclusively addresses climate targets for companies and financial institutions, and not the transition plans that must be associated with targets set by companies in order to achieve their decarbonization objectives. WWF acknowledges that climate targets are essential to set the ambition for transition planning by companies and financial institutions ; however, climate targets alone are insufficient to guarantee the sustainability ambitions of undertakings, or to characterize companies as transitioning. WWF has already released reports outlining the importance of a transition plan, and will continue through additional reports.

www.wwf.eu/?12960841/Unlocking-Climate-Success-New-WWF-report-sets-the-course-for-credible-climate-target-setting-for-companies
+++
Questo rapporto affronta esclusivamente gli obiettivi climatici per le aziende e le istituzioni finanziarie, e non i piani di transizione che devono essere associati agli obiettivi fissati dalle aziende per raggiungere i propri obiettivi di decarbonizzazione. Il WWF riconosce che gli obiettivi climatici sono essenziali per stabilire l'ambizione della pianificazione della transizione da parte delle aziende e delle istituzioni finanziarie; tuttavia, gli obiettivi climatici da soli non sono sufficienti a garantire le ambizioni di sostenibilità delle imprese o a caratterizzare le aziende come in transizione. Il WWF ha già pubblicato rapporti che sottolineano l’importanza di un piano di transizione e continuerà con ulteriori rapporti.

21.2.2024
Global Economic Survey 2024
Pub: Eurochambres (English text, 23 pages)

The 2024 Survey was conducted in November and December 2023. It provides a qualitative assessment of global economic developments, trade and other key policy challenges for 2024 based on responses from business organizations representing approximately 70 countries % of global GDP total. The Survey identifies geopolitical tensions and instability as the most significant cause of concern for the international business community. According to business organizations, uncertainty in relation to supply chains, access to raw materials and energy security rounds out the top three global economic challenges for the coming year. Business confidence is set to increase according to the vast majority of survey participants, with several regions also expecting an increase in foreign direct investment flows, including the United States and China, while for Europe levels are expected to remain overall constants.
https://www.eurochambres.eu/wp-content/uploads/2024/02/Global-Economic-Survey-Report-2024.pdf
+++
La Survey 2024 è stata condotta nei mesi di novembre e dicembre 2023. Fornisce una valutazione qualitativa degli sviluppi economici globali, del commercio e di altre sfide politiche chiave per il 2024 sulla base delle risposte delle organizzazioni imprenditoriali che rappresentano circa 70 paesi % del PIL mondiale totale. La Survey identifica le tensioni geopolitiche e l’instabilità come la causa più significativa di preoccupazione per la comunità imprenditoriale internazionale. Secondo le organizzazioni imprenditoriali l’incertezza in relazione alle catene di approvvigionamento, all’accesso alle materie prime e alla sicurezza energetica completa le tre principali sfide economiche globali per il prossimo anno. La fiducia delle imprese è destinata ad aumentare secondo la stragrande maggioranza dei partecipanti alla Survey, con diverse regioni che si aspettano anche un aumento dei flussi di investimenti diretti esteri, tra cui Stati Uniti e Cina, mentre per l’Europa i livelli dovrebbero rimanere complessivamente costanti .

15.1.2024
Inequality Inc.
Aut: Rebecca Riddell, Nabil Ahmed, Alex Maitland, Max Lawson, Anjela Taneja.

Pub: Oxford Committee for Famine Relief (Oxfam) (English text, 71 pages).
Since 2020, the richest five men in the world have doubled their fortunes. During the same period, almost five billion people globally have become poorer. Hardship and hunger are a daily reality for many people worldwide. At current rates, it will take 230 years to end poverty. A huge concentration of global corporate and monopoly power is exacerbating inequality economy-wide.  Through squeezing workers, dodging tax, privatizing the state and spurring climate breakdown, corporations are driving inequality and acting in the service of delivering ever-greater wealth to their rich owners. To end extreme inequality, governments must radically redistribute the power of billionaires and corporations back to ordinary people.
https://www.oxfam.org/en/research/inequality-inc
+++
Dal 2020, i cinque uomini più ricchi del mondo hanno raddoppiato le loro fortune. Nello stesso periodo, quasi cinque miliardi di persone nel mondo sono diventate più povere. Le difficoltà e la fame sono una realtà quotidiana per molte persone in tutto il mondo. Ai ritmi attuali, ci vorranno 230 anni per porre fine alla povertà.  Un’enorme concentrazione di potere aziendale e monopolistico globale sta esacerbando la disuguaglianza in tutta l’economia. Spremendo i lavoratori, evadendo le tasse, privatizzando lo Stato e stimolando il collasso climatico, le aziende stanno favorendo la disuguaglianza e agendo al servizio della fornitura di ricchezza sempre maggiore ai loro ricchi proprietari. Per porre fine alla disuguaglianza estrema, i governi devono ridistribuire radicalmente il potere dei miliardari e delle multinazionali alle persone comuni.

14.1.2024
Gen-AI: Artificial Intelligence and the Future of Work.
Aut: Mauro Cazzaniga, Florence Jaumotte, Longji Li, Giovanni Melina, Augustus J. Panton, Carlo Pizzinelli, Emma Rockall, Marina M. Tavares.
Pub: International Monetary Fund (English text, 42 pages).

Artificial intelligence (AI) has the potential to reshape the global economy, especially in the realm of labor markets. Advanced economies will experience the benefits and pitfalls of AI sooner than emerging market and developing economies, largely because their employment structure is focused on cognitive intensive roles. In this evolving landscape, advanced economies and more developed emerging market economies need to focus on upgrading regulatory frameworks and supporting labor reallocation while safeguarding those adversely affected. Emerging market and developing economies should prioritize the development of digital infrastructure and digital skills.
https://www.imf.org/en/Publications/Staff-Discussion-Notes/Issues/2024/01/14/Gen-AI-Artificial-Intelligence-and-the-Future-of-Work-542379?cid=sm-com-tw-SDNEA2024001
+++
L’intelligenza artificiale (AI) ha il potenziale per rimodellare l’economia globale, soprattutto nel campo dei mercati del lavoro. Le economie avanzate sperimenteranno i vantaggi e le insidie dell’intelligenza artificiale prima rispetto ai mercati emergenti e alle economie in via di sviluppo, in gran parte perché la loro struttura occupazionale è focalizzata su ruoli ad alta intensità cognitiva. In questo panorama in evoluzione, le economie avanzate e le economie di mercato emergenti più sviluppate devono concentrarsi sul miglioramento dei quadri normativi e sul sostegno alla riallocazione della manodopera, salvaguardando al contempo coloro che sono colpiti negativamente. I mercati emergenti e le economie in via di sviluppo dovrebbero dare priorità allo sviluppo delle infrastrutture digitali e delle competenze digitali.

10.1.2024
The Global Risks Report 2024.  
Pub: World Economic Forum. (English text, 124 pages)

The Global Risks Report 2024 presents the findings of the Global Risks Perception Survey (GRPS), which captures insights from nearly 1,500 global experts. The report analyses global risks through three time frames to support decision-makers in balancing current crises and longer-term priorities. A deteriorating global outlook Looking back at the events of 2023, plenty of developments captured the attention of people around the world – while others received minimal scrutiny. Vulnerable populations grappled with lethal conflicts, from Sudan to Gaza and Israel, alongside record-breaking heat conditions, drought, wildfires and flooding. Societal discontent was palpable in many countries, with news cycles dominated by polarization, violent protests, riots and strikes.
https://www.weforum.org/publications/global-risks-report-2024/
+++
Il Global Risks Report 2024 presenta i risultati del Global Risks Perception Survey (GRPS), che raccoglie le opinioni di quasi 1.500 esperti globali. Il rapporto analizza i rischi globali attraverso tre intervalli temporali per supportare i decisori nel trovare un equilibrio tra le crisi attuali e le priorità a lungo termine. Una prospettiva globale in peggioramento Guardando indietro agli eventi del 2023, molti sviluppi hanno catturato l’attenzione delle persone in tutto il mondo, mentre altri hanno ricevuto un’analisi minima. Le popolazioni vulnerabili sono state alle prese con conflitti letali, dal Sudan a Gaza e Israele, insieme a condizioni di caldo record, siccità, incendi e inondazioni. Il malcontento sociale era palpabile in molti paesi, con cicli di notizie dominati dalla polarizzazione, proteste violente, rivolte e scioperi.

1.1.2024
World Economic Situation and Prospects 2024
Pub: United Nations (English Text, 196 pages)

Global economic growth is projected to slow from an estimated 2.7 per cent in 2023 to 2.4 per cent in 2024, trending below the pre-pandemic growth rate of 3.0 per cent, according to the United Nations World Economic Situation and Prospects (WESP) 2024. This latest forecast comes on the heels of global economic performance exceeding expectations in 2023. However, last year’s stronger-than-expected GDP growth masked short-term risks and structural vulnerabilities. 
The UN’s flagship economic report presents a sombre economic outlook for the near term. Persistently high interest rates, further escalation of conflicts, sluggish international trade, and increasing climate disasters. 
www.un.org/sustainabledevelopment/blog/2024/01/overview-world-economic-situation-and-prospects-2024/
+++
Situazione economica mondiale e prospettive al 2024
Si prevede che la crescita economica globale rallenterà dal 2,7% stimato nel 2023 al 2,4% nel 2024, tendendo al di sotto del tasso di crescita pre-pandemia del 3,0%, secondo il World Economic Situation and Prospects (WESP) 2024 delle Nazioni Unite. Quest’ultima previsione arriva sulla scia di performance economiche globali superiori alle aspettative nel 2023. Tuttavia, la crescita del PIL più forte del previsto dello scorso anno ha mascherato rischi a breve termine e vulnerabilità strutturali. 

Il principale rapporto economico delle Nazioni Unite presenta una prospettiva economica cupa per il breve termine. Tassi di interesse persistentemente elevati, ulteriore inasprimento dei conflitti, rallentamento del commercio internazionale e aumento dei disastri climatici.